Bufale Cosmetiche e Falsi Miti - Come Riconoscere le Fake News sui Cosmetici

In questo articolo parliamo delle più comuni Fake News che circolano nel settore della Bellezza e dei Cosmetici, illustrando le Bufale più radicate e come riconoscerle per effettuare Acquisti Consapevoli.

Bufale Cosmetici

Indice Articolo

Generalità

Infondatezza delle Bufale Cosmetiche

Le bufale cosmetiche possono nascondersi ovunque: per accaparrarsi la vendita di un cosmetico, molte aziende sono disposte a promuoverlo con clamorosi messaggi di marketing, mirati a illudere il consumatore, desideroso di preservare la propria bellezza.

Talvolta, l'infondatezza delle bufale cosmetiche è celata così bene da risultare molto difficile da scovare, soprattutto per il consumatore inesperto che ripone fiducia nelle aziende produttrici.

Così, per indurre il consumatore all'acquisto del loro prodotto, alcune campagne promozionali di piccole e grandi case cosmetiche lanciano messaggi pubblicitari aggressivi e suadenti, sulla base di modelli di bellezza pressoché difficili da raggiungere avvalendosi solo dell'ausilio di cosmetici, per quanto essi possano essere formulati con principi attivi qualitativamente eccellenti.

Le bufale cosmetiche - dunque casi di pubblicità ingannevole o pratiche commerciali scorrette - possono essere segnalate alle Autority Antitrust (come ad esempio l'Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato) mediante specifiche associazioni dei consumatori o per iniziativa del singolo.

Falsi Miti sui Cosmetici

Il vasto scenario della cosmesi minato da bufale travestite da armi di seduzione di massa è infarcito anche da falsi miti, ovvero nozioni radicate nel consumatore, ma del tutto infondate, riguardanti i prodotti dedicati alla bellezza.

La disinformazione catapulta così il consumatore in un contesto dominato da bufale e falsi miti cosmetici, in cui la scelta di un acquisto intelligente diventa sempre più ardua.

Un simile contesto plagiato da bufale e falsi miti cosmetici può mettere a dura prova il consumatore: di seguito, un vademecum per scovare trappole e inganni commerciali di marketing, per accompagnare l'utilizzatore verso acquisti intelligenti.

Bufala dei "Senza"

L'Inganno e la Persuasione per Confondere il Consumatore

Le campagne pubblicitarie si avvalgono di astuzie comunicative, in cui si afferma e si nega contemporaneamente, con l'obiettivo di far credere qualcosa che ha poco a che vedere con la realtà, pur non dichiarando il falso.

Così, per confondere, ingannare o persuadere il consumatore, molti cosmetici vengono venduti con il cosiddetto "inganno dei senza".

La bufala dei senzaconsiste nel pubblicizzare un determinato cosmetico enfatizzando oltremodo l'assenza di un determinato ingrediente, inducendo di conseguenza il consumatore a comparare quell'articolo con un altro, nella cui formula è invece presente (facendo dunque passare quest'ultimo per un prodotto di scarsa qualità).

Esempi di Bufale dei Senza

Ad esempio, nella formula di un deodorante può comparire la scritta: "senza sali di alluminio", come se la presenza di sali di alluminio fosse realmente dannosa per il consumatore.

Un'altra formula fuorviante, può essere: "senza petrolati", come se la loro presenza - ad esempio in un prodotto idratante ad azione barriera - fosse inefficace o pericolosa per chi ne fa uso.

Bufala degli "Ipoallergenici"

Nessuna Normativa per i Cosmetici "Ipoallergenici"

Le pelli a tendenza atopica - ovvero soggette a manifestare allergie nei confronti di vari cosmetici - hanno bisogno di prodotti particolarmente delicati; pertanto, il consumatore che ne soffre, è portato a ricercare la dicitura "ipoallergenico" nelle etichette cosmetiche.

Cosa significa "Ipoallergenico"?

Associare il termine "ipoallergenico" a un cosmetico significa assicurare che il rischio di scatenare una reazione allergica da contatto è estremamente basso.

Purtroppo, non esiste alcuna regolamentazione riguardo all'ipoallergenicità di un prodotto cosmetico; pertanto, la qualifica "ipoallergenico" riferita a un cosmetico è di fatto una bufala cosmetica perché può ingannare il consumatore e indurlo all'acquisto, senza reali garanzie.

Come Scoprire Quando il Prodotto può essere "Compatibile" con la Propria Pelle?

L'unico modo per scoprire quando un cosmetico è formulato con ingredienti delicati per il proprio tipo di pelle è studiare l'INCI (lista degli ingredienti con cui è formulato il prodotto), ricercando la presenza (o l'assenza) di una sostanza verso la quale si è sensibili.

Bufale sull'Acido Ialuronico

1° Bufala: Acido Ialuronico Antietà

L'acido ialuronico rappresenta un comune costituente di vari cosmetici antietà dall'azione idratante.

Ma dove si nasconde la bufala? Per capirlo, occorre ricordare che cos'è l'acido ialuronico e a cosa serve.

Che Cos'è e a Cosa Serve l'Acido Ialuronico?

L'acido ialuronico è un componente della matrice extracellulare, una struttura tridimensionale che conferisce elasticità, tonicità e turgore alla pelle, dunque indispensabile per assicurare bellezza e idratazione alla cute.

L'acido ialuronico viene sintetizzato dai fibroblasti, speciali cellule presenti nel derma (ovvero nello strato cutaneo profondo).

Con l'età, i fibroblasti diminuiscono numericamente, dunque viene meno anche la sintesi di acido ialuronico: per questo, le pelli mature hanno bisogno di maggiore idratazione, dunque di acido ialuronico.

Dove si Nasconde la Bufala?

Da quanto scritto si potrebbe pensare che la soluzione più ovvia e immediata per far fronte all'inibizione dell'attività dei fibroblasti "maturi" sia applicare un prodotto all'acido ialuronico direttamente sulla pelle - come del resto assicurano (e rassicurano) molte campagne pubblicitarie.

In realtà, la bufala si nasconde proprio in questo messaggio pubblicitario: infatti, pochi sanno che l'acido ialuronico, applicato sulla pelle, non garantisce l'effetto idratante desiderato perché non è in grado di raggiungere il derma, ovvero lo strato cutaneo profondo.

L'idratazione associata all'acido ialuronico applicato tramite i cosmetici è semplicemente superficiale.

2° Bufala: Acido Ialuronico Liftante

In cosmesi, l'acido ialuronico viene pubblicizzato come un ingrediente miracoloso per la sua capacità liftante.

In realtà, pubblicizzare un cosmetico all'acido ialuronico come un prodotto liftante è una bufala: infatti, per definizione, una sostanza liftante dovrebbe agire sui muscoli e sulla trama collageno-dermica, ma i cosmetici all'acido ialuronico non agiscono con un simile meccanismo.

Eventualmente, l'effetto liftante associato a un cosmetico a base di acido ialuronico può essere effimero e di lieve entità.

Similmente, anche un siero viso pubblicizzato come "liftante" va considerato una bufala commerciale perché si induce il consumatore a credere che il suo effetto sia efficace e paragonabile alle reali soluzioni liftanti di medicina estetica (un esempio di sostanza liftante è rappresentato dalle iniezioni di tossina botulinica).

Qual è la Soluzione?

Per idratare veramente la pelle in profondità, la soluzione ottimale è rappresentata dai filler all'acido ialuronico/collagene, o dalle iniezioni di tossina botulinica.

Tuttavia, chi non ama le cosiddette "punturine", può idratare la pelle tramite un'adeguata e costante supplementazione di integratori formulati con acido ialuronico e collagene, efficaci nell'aumentare la quota di queste sostanze nello strato profondo della pelle, entro poche settimane 1, 2, 3, 4.

X115®+Plus | COLLAGENE + ACIDO IALURONICO | Antirughe | Pelle e Articolazioni | Collagene Marino Idrolizzato da Bere | Vitamina C, Resveratrolo, Coenzima Q10, Antiossidanti | Day & NightPrezzo:68,00€Offerta e Recensioni   ? CONFEZIONE DA 15 FLACONCINI + 15 BUSTINE | Integratore Antirughe | Made in Italy | Alta Concentrazione di Collagene e Attivi Antiage | Contro le Rughe | Per la Bellezza e il Benessere di Pelle Unghie e Articolazioni | CON OMAGGIO Flacone 5ml Crema Antirughe X115

Bufala dei Cosmetici al Collagene

Perché il Collagene Non è Propriamente Idratante?

I cosmetici al collagene sono spesso venduti come potenti idratanti, essenziali per il trattamento delle pelli mature: in realtà, il loro effetto non è così efficace come invece viene pubblicizzato.

Da Solo non Basta!

Il collagene è una proteina essenziale per l'organismo e, insieme ad acido ialuronico e altri glicosaminoglicani, concorre alla formazione della matrice extracellulare.

In altri termini, il collagene è una sostanza fondamentale per assicurare alla pelle morbidezza, elasticità e compattezza.

Il collagene - come del resto accade anche per l'acido ialuronico - viene sintetizzato (ovvero prodotto) dai fibroblasti, speciali cellule presenti all'interno degli strati cutanei profondi.

I cosmetici al collagene sono una bufala per ingannare il consumatore perché, applicati sulla pelle, non sono in grado di raggiungere il derma:

  • l'idratazione che i cosmetici al collagene possono fornire è effimera e superficiale, perché le molecole di collagene rimangono intrappolate in superficie senza raggiungere gli strati profondi della pelle. Questo vale anche per il collagene idrolizzato, comunque "troppo grande" per penetrare in profondità

Come "Aiutare" i Cosmetici di Collagene

Nonostante quanto affermato, i cosmetici al collagene possono comunque contribuire a preservare la bellezza e l'idratazione della cute, perché concorrono a mantenere un'adeguata idratazione della pelle.

Tuttavia, per ottenere un effetto più idratante si consiglia di:

  • ricercare cosmetici al collagene arricchiti con altre sostanze dall'azione idratante;
  • associare l'uso di cosmetici idratanti all'assunzione di integratori antiage, formulati con acido ialuronico/collagene.

Per un effetto rapido ed efficace, è possibile intervenire con i filler al collagene, efficaci per agire nel derma profondo aumentando realmente le concentrazioni di collagene, in tempi brevi.

X115®+Plus | COLLAGENE + ACIDO IALURONICO | Antirughe | Pelle e Articolazioni | Collagene Marino Idrolizzato da Bere | Vitamina C, Resveratrolo, Coenzima Q10, Antiossidanti | Day & NightPrezzo:68,00€Offerta e Recensioni   ? CONFEZIONE DA 15 FLACONCINI + 15 BUSTINE | Integratore Antirughe | Made in Italy | Alta Concentrazione di Collagene e Attivi Antiage | Contro le Rughe | Per la Bellezza e il Benessere di Pelle Unghie e Articolazioni | CON OMAGGIO Flacone 5ml Crema Antirughe X115

Bufala sull'Elastina Antiage

Dove si Nasconde la Bufala?

Proprio come accade per il collagene e per l'acido ialuronico, anche l'elastina è spesso al centro di bufale commerciali.

Alcuni prodotti che la contengono vengono talvolta pubblicizzati come cosmetici antiage, in grado di incrementare la sintesi di elastina intradermica.

In realtà, l'elastina viene sintetizzata dalla pelle fino ai 10-15 anni d'età, per poi arrestarsi quasi completamente, dunque - fatta eccezione per alcune circostanze come danni tissutali dovuti a ferite - promuovere un cosmetico come un prodotto in grado di stimolare la produzione di elastina è un inganno a tutti gli effetti.

I cosmetici formulati con elastina possono agire come antiage proteggendo l'elastina stessa dalla degradazione, ma non possono in alcun modo promuovere la sintesi di nuova elastina.

Cosmetici Efficaci per Prevenire la Degradazione dell'Elastina

Nonostante quanto affermato, esistono cosmetici antiage davvero efficaci: ad esempio, gli acidi boswellici contenuti in alcuni cosmetici possono inibire gli enzimi che degradano l'elastina, agendo come ottimi prodotti antiage.

Bufala sulle Cellule Staminali Vegetali

Prima di smascherare la bufala sui cosmetici a base di cellule staminali vegetali, è bene comprenderne il significato.

Cosa Significa "Cellula Staminale Vegetale"?

Le cellule staminali vegetali derivano da estratti cellulari ricavati ad esempio da mela, stella alpina, centella asiatica, e vengono astutamente utilizzate in ambito cosmetico per la realizzazione di prodotti cosmetici "fortificati", decantati come prodigiosi.

Questi estratti vegetali vengono sottoposti a tecniche di ingegneria genetica di laboratorio allo scopo di incrementare la quota totale di principi attivi, presenti nella matrice iniziale.

Dove si Nasconde la Bufala?

A differenza dei risultati positivi derivati dalla sperimentazione con cellule staminali umane - attiva in vari ambiti medici (es. neurologico, oncologico ecc.) - quella eseguita con cellule staminali vegetali in ambito cosmetico lascia ancora molte perplessità.

Infatti, si è osservato che gli estratti vegetali di cellule staminali contenuti all'interno dei cosmetici non agiscono come le cellule staminali vive, dunque i loro potenziali effetti benefici sulla pelle - che non sono mediati da meccanismi di interferenza genica - non possono rigenerare la cute umana.

Esempio di Bufala Sulle Cellule Staminali Vegetali

Le cellule staminali vegetali si possono ritrovare in vari cosmetici, ma sono molto gettonate nei prodotti anticellulite: questi articoli, pur essendo di qualità indubbiamente elevata, non possono regalare i tanto attesi risultati per combattere definitivamente la cellulite perché è impensabile che un tessuto cutaneo (colpito da cellulite) possa essere rigenerato attraverso l'applicazione di creme a base di cellule staminali vegetali.

Bufale sui Cosmetici ad Azione "Immediata"

Cosmetici Anticellulite: Funzionano?

Per stuzzicare l'attenzione del consumatore facendo leva sulla sua sensibilità, molte campagne pubblicitarie si avvalgono di termini ingannevoli per accaparrarsi la vendita.

Ad esempio, la cellulite rappresenta un inestetismo tanto diffuso quanto odiato dalle donne; dunque, l'idea di un prodotto dall'azione "immediata" potrebbe far pensare di aver trovato la soluzione alla pelle a buccia d'arancia.

In realtà, il termine "immediata" viene spesso utilizzato impropriamente: nel caso degli anticellulite, ad esempio, le molecole attive riescono ad esercitare la loro azione "rapida" solo quando sottoposte a determinate tecniche di laboratorio di ultima generazione.

Per scovare un'eventuale bufala sui cosmetici cellulite, si consiglia di ricercare la presenza di principi attivi trattati con tecniche di laboratorio realmente avanzate: in assenza di queste tecnologie, l'azione immediata si trasformerà solo in un lontano miraggio.

Tecnica di Laboratorio: Fitosoma®

La tecnica brevettata Fitosoma® viene sfruttata in alcuni cosmetici anticellulite per:

La tecnica prevede di assemblare un fosfolipide con un principio attivo naturale dotato di attività simil-terapeutica (come la quercitina, la caffeina o la carnitina, nel caso dei cosmetici anticellulite), per raggiungere l'obiettivo in tempi rapidi.

X115® Crema Antirughe Uomo | Airless 50 ml | Crema Viso Effetto Lifting | Anti-Age Tripla Azione: IDRATANTE, LIFTANTE, RIDENSIFICANTE | Con Acido IaluronicoPrezzo:86,20€Offerta e Recensioni   FORMULA “SOS”: Crema Viso Antirughe | Idratante e Rivitalizzante | Completa e rivoluzionaria, per combattere i segni del tempo sulla pelle | Con attivi Idratanti, Nutrienti, Antiossidanti, Liftanti, Rigeneranti

Bufale sui Cosmetici con "Effetto Urto Caldo-Freddo"

Anticellulite: Dove si Nasconde la Bufala?

Lo slogan "effetto urto caldo-freddo" è una strategia commerciale di notevole impatto sulla sensibilità del consumatore, soprattutto quando si parla di pelle a buccia d'arancia.

Certo, l'idea di applicare una crema in grado di esercitare una sensazione calda e fredda nello stesso tempo, potrebbe far pensare di aver trovato un rimedio davvero geniale per stimolare il microcircolo, ponendosi dunque come un'arma efficace nella lotta alla cellulite.

Approfondimento: da cosa dipende la sensazione di freschezza e calore in un cosmetico?

L'effetto caldo-freddo di una formula cosmetica dipende dai principi attivi presenti che, applicati sulla pelle sotto forma di crema, dovrebbero agire stimolando la microcircolazione venosa, e determinando una vasocostrizione e vasodilatazione nello stesso tempo.

In realtà, spesso, le creme dall'effetto caldo-freddo nascondono una bufala commerciale per due motivi:

  • i principi attivi che agiscono regalando l'effetto "fresco" (es. mentolo) non esercitano una vera e propria vasocostrizione, dunque non agiscono a livello del microcircolo ma raffreddano la superficie della pelle mediante una rapida evaporazione dell'acqua;
  • l'effetto "caldo" è determinato da molecole in grado di esercitare una vasodilatazione. Tuttavia, va ricordato che l'esagerata dilatazione dei vasi sanguigni (ovvero una vasodilatazione) si pone alla base delle cause principali della formazione della cellulite, dunque inserire queste sostanze attive in un cosmetico anticellulite potrebbe essere spia accesa di una bufala commerciale mascherata da rimedio efficace.

Bufala degli Oli Vegetali "Idratanti"

Gli Oli sono Veramente Idratanti?

Asserire che un olio vegetale sia una sostanza idratante non è corretto, perché non è in grado di favorire la penetrazione di acqua nell'organismo attraverso la cute (meccanismo svolto dalle sostanze idratanti).

Ad ogni modo, anche se l'espressione - così com'è scritta - non è corretta, va ricordato che gli oli vegetali (es. olio di mandorle dolci, burro di karité, olio di cocco ecc.) rientrano spesso - e giustamente - nella formula di cosmetici ad azione idratante, infatti:

  • gli oli vegetali contribuiscono a mantenere una corretta idratazione cutanea, ponendosi come eccellenti ingredienti "barriera" nelle emulsioni idratanti.

La bufala commerciale si nasconde nell'utilizzo improprio del termine: gli oli non sono idratanti, ma efficaci emollienti perché concorrono a mantenere un'adeguata idratazione cutanea mediante una riduzione della disidratazione (prevenendo l'evaporazione dell'acqua dallo strato corneo).

Inoltre, molti oli vegetali non eccellono in termini di emollienza e producono i loro effetti "pseudo-idratanti" solo nel lungo e medio termine.

Bufala degli Oli Essenziali "Idratanti"

Perché è una Bufala?

Se il termine "idratante" associato oli vegetali va considerato una piccola bufala commerciale di poco conto, l'utilizzo della parola "idratante" per gli oli essenziali rappresenta invece un inganno commerciale di grave entità.

Infatti, oltre a non poter esercitare in alcun modo un effetto idratante, gli oli essenziali possono interferire con la corretta funzionalità della barriera cutanea, sensibilizzando la cute.

Bufala sulle Certificazioni Europee "Organic"

L'Eco-Bufala delle Certificazioni "Green"

In generale, un prodotto "certificato biologico/naturale" ha un valore aggiunto dunque dovrebbe essere qualitativamente superiore rispetto a un altro non certificato.

Tuttavia, nell'ampio panorama cosmetico, non esiste alcuno standard per la certificazione di cosmetici biologici o naturali; pertanto, le bufale commerciali si possono facilmente rilevare in etichetta quando compaiono (fasulli) certificati "di qualità".

I claims "green" ingannevoli più utilizzati nelle etichette di alcuni cosmetici sono:

  • Organic;
  • Eco-Bio;
  • Natural.

Bufala del "Naturale e Sicuro"

Vegetale e Sicuro? Non Sempre è Così

Spesso, le campagne pubblicitarie fanno intendere che un prodotto cosmetico è più sicuro quando formulato con principi attivi ricavati da estratti naturali/vegetali.

In realtà, non necessariamente una sostanza naturale è meno tossica o meno inquinante di una prodotta in laboratorio: basti pensare a quanti veleni naturali - dunque non ricavati in laboratorio - possano essere estremamente pericolosi e/o inquinanti.

D'altronde anche gli oli o gli estratti vegetali, per fare un esempio, possono essere contaminati da pesticidi, metalli pesanti o residui di solventi usati per l'estrazione.

Bufala dei Cosmetici "Brevettati"

Un Cosmetico "Brevettato" è Migliore?

Un brevetto può proteggere una formulazione cosmetica, ma non necessariamente garantisce l'efficacia del prodotto, né tantomeno assicura un maggior effetto benefico rispetto a un altro che ne è privo.

Valorizzare un determinato prodotto cosmetico enfatizzandone la formula brevettata può essere considerato una bufala commerciale, un inganno pubblicitario per regalare autorità al prodotto (senza necessariamente un merito fondato).

Bufala sui Test Cosmetici di Autovalutazione

Tesi di Autovalutazione: sono Affidabili?

Per avvalorare l'efficacia di un determinato cosmetico, alcune aziende assicurano di aver testato il prodotto clinicamente: semplici test di autovalutazione - magari sovvenzionati dall'azienda - nulla hanno a che vedere con i test scientificamente seri (RCT con indagini strumentali), dunque non possono essere garanzia di un prodotto efficace e sicuro.

La validità scientifica "garantita" di un prodotto testato da utilizzatrici o semplici clienti altro non è che una bufala cosmetica architettata dall'azienda, per promuovere il loro prodotto mediante tecniche commerciali sleali.

In altri termini, si consiglia di diffidare dai cosmetici che dichiarano in etichetta frasi del tipo: "il 95% degli utilizzatori ritiene che il cosmetico sia efficace contro le macchie della pelle".

Bufala dei Cosmetici che "Aiutano a..."

Come Proteggersi da Pubblicità Ingannevoli?

Per indurre il consumatore a ritenere che un cosmetico sia efficace, le aziende si avvalgono di frasi pubblicitarie "ad effetto", cercando tuttavia di non cadere nell'accusa di pubblicità ingannevole.

Pertanto, per accaparrarsi l'attenzione del consumatore, in molti messaggi pubblicitari si tende a utilizzare un linguaggio tale da far credere che il prodotto sia efficace, evitando di utilizzare parole che lo possano effettivamente affermare perché non supportate da sufficienti studi scientifici.

Ad esempio, un prodotto venduto come antirughe, ma non supportato da studi sufficienti che ne dimostrino la reale efficacia, può essere pubblicizzato come un cosmetico che "con attivi che aiutano a ridurre le rughe": così dicendo, l'azienda si protegge dall'accusa di pubblicità ingannevole perché nel messaggio pubblicitario non viene affermato che l'effetto sia reale.

Falsi Miti Popolari

Preconcetti Cosmetici Infondati

Al polo opposto delle bufale cosmetiche si ritrovano i falsi miti, ovvero credenze o supposizioni basati su preconcetti infondati ma radicati, che potrebbero far allontanare il consumatore da un cosmetico di qualità.

Di seguito, alcuni dei più comuni preconcetti cosmetici, tramandati "da generazioni" e ancora propagandati da varie pubblicità allo scopo di sminuire un determinato cosmetico.

Sostanza incriminata

Falso mito

Perché non è pericoloso

Sali di alluminio contenuti nei deodoranti

Gli antitraspiranti contenenti alluminio cloruro o altri sali di alluminio potrebbero incrementare il rischio di cancro al seno.

I sali di alluminio sono impiegati da anni nel trattamento dell'iperidrosi (ipersudorazione), come sostanze sicure.

Il profilo di sicurezza dei sali di alluminio contro l'ipersudorazione è stato approvato da vari studi, e ad oggi non ci sono dati tossicologici che possano confermare il contrario 5.

Olio di paraffina, vasellina e altri derivati paraffinici

Gli scarti derivati dalla lavorazione del petrolio potrebbero accumularsi sulla pelle, occludendo i pori e aumentando il rischio di cancro.

Paraffina, vasellina, derivati paraffinici e isoparaffinici possono essere considerati privi dei pericolosi contaminanti derivati dalla lavorazione del petrolio, rappresentando eccellenti ingredienti "barriera" nelle emulsioni idratanti di lunga durata 1, 2, 3, 4.

In un cosmetico, la presenza di olio di paraffina, vasellina e altri derivati paraffinici, è da considerarsi estremamente sicura.

Eventuali impurità che potrebbero derivare dalla lavorazione del petrolio devono essere presenti nel cosmetico (se presenti) in concentrazioni così basse da non generare alcun rischio per la salute umana.

Parabeni

I parabeni all'interno dei cosmetici sono sempre allergenici.

I parabeni sono conservanti sicuri ed efficaci, utilizzati nei cosmetici e nei farmaci orali per la loro azione antimicrobica.

I parabeni possono generare ipersensibilità solo in alcune persone, ma non si possono definire allergenici per tutti.

SIERO Viso | X115® ACE | VITAMINE PURE Mono-Concentrate | Siero Vitamina C + Siero Vitamina A - Retinolo + Siero Vitamina E ? ANTIRUGHE - Antimacchie | IlluminantePrezzo:92,80€Offerta e Recensioni   ? CONFEZIONE DA 15 FLACONI MONODOSE BREVETTATI (5+5+5 x 5ml cad.) | Le Vitamine della Bellezza nel loro Stato più Puro ed Efficace | Per un Trattamento Anti-Age ai massimi livelli | Attivi Vitaminici ad Alta Concentrazione | Protetti nel Tappo Serbatoio | Avvitando il tappo, le Vitamine si integrano con i Booster Veicolanti, Nutrienti, Idratanti e Illuminanti | FINO A 30 GIORNI DI TRATTAMENTO

Articoli Correlati

Miglior Trattamento Antirughe 2020Scopri di più

Antirughe.info

più bella, più informata

Miglior Trattamento Antirughe 2020*

X115® New Generation Skin CareScopri di più* In base all'analisi della redazione di antirughe.info e alle opinioni delle lettrici